phpThumb_generated_thumbnailpngxxx-1503564076.jpg
Foto: TirolWerbung_Pupeter Robert

Riduzione del fattore di caduta per gli utilizzatori delle vie ferrate (Fall Factor Reduction)

Il progetto nasce della constatazione dell'aumento della pratica dell'alpinimo e della frequentazione dei percorsi attrezzati e delle vie ferrate sulle Dolomiti specialmente da parte dei turisti.

 

Partner di progetto: MICADO SMART ENGINEERING s.r.l., DOLOMITICERT SCARL + Soccorso Alpino dell'Alpenverein Südtirol Alta Val Pusteria

Programma di sviluppo: Interreg

Budget progetto: 196.221,41 € (somma complessiva)

Somma oggetto dell'incentivo: 123.241,20 € (somma complessiva)

Quota d´incentivazione: 70% IT e 50% AUT

Durata: 01.02.2017 – 01.02.2019
 

Molto spesso i percorsi attrezzati presentano passaggi difficili o situazioni nelle quali un'eventuale caduta, seppur protetta dai dispositivi e dagli ausili alla progressione installati, potrebbe provocare gravi danni alla salute del malcapitato. I danni maggiori sono riconducibili a cadute aventi fattore di caduta maggiore o uguale a 2, dove con fattore di caduta si intende il rapporto tra l'altezza di caduta e lunghezza della corda.

All'aumentare del numero dei frequentatori della montagna, è inevitabile registrare anche un aumento degli incidenti e degli interventi degli operatori delle squadre di soccorso con ingenti costi sociali.

L'obiettivo del progetto è contribuire alla riduzione degli incidenti in montagna a seguito di cadute accidentali su tratti di percorsi attrezzati e vie ferrate aventi fattore di caduta uguale o maggiore di due. Per raggiungere questo obiettivo, seguendo l'approccio sopra indicato, si intende ricercare e sviluppare nuovi prodotti o soluzioni tecniche applicabili all'ambiente alpino.

In base all'evoluzione della ricerca, l'obiettivo sarà perseguito per step successivi, dall'ideazione alla prima prototipazione arrivando fino alla verifica e dimostrazione della funzionalità della soluzione individuata.

 

©TirolWerbung_Pupeter Robert


indietro